Torna il Cineforum dell’Associazione ProssimaMente in un periodo e con un orario differente ma sempre con ingresso gratuito. Infatti diversamente dalle edizioni precedenti i film verranno proiettati ogni Domenica pomeriggio dal 9 al 23 di Novembre alle ore 17:30 ma sempre presso l’Auditorium Cossa di Arpino. L’Associazione è felice di poter iniziare un nuovo anno di attività proprio dalla rassegna cinematografica che vedròà i nostri soci presentare e commentare i Film in proiezione. Il primo appuntamento è per domenica 9 Novembre con il film “La cena dei cretini” di cui vi pubblichiamo una recensione a cura di Gianluca Pallisco:

Tratto da un’opera teatrale dello stesso regista Francis Veber, La cena dei cretini è un film del 1998 che ha ricevuto un ottimo successo da parte della critica. L’opera è stata messa in scena a Parigi per tre anni. Una commedia non volgare che prende spunto dalla comicità di Totò o di Troisi e che tenta di riportarla ad un pubblico francese dall’umorismo fine e critico.La cena dei cretini è una commedia francese molto semplice nella trama ma che non lo è altrettanto nell’interpretazione. La linearità del plot è un elemento che sembra privare di originalità all’opera ma che invece ne esalta le qualità di attori e regista. Particolare è l’interpretazione di Jacques Villeret (François Pignon) che con le sue espressioni e il suo stesso aspetto fisico si cala perfettamente nella parte e ne interpreta i più difficili aspetti.

 

La commedia si incentra sulla storia di Monsieur Michon che, come ogni mercoledì, insieme ai suoi amici dell’alta borghesia francese, metta a punto una cena tra amici i quali si presentano ognuno con un malcapitato etichettato come “Con’’ (cretino), allo scopo di ridere alle loro spalle e passare una serata alimentando le loro passioni e promettendo di valutarne le capacità per dare una svolta alla loro vita ma che in realtà, dopo la cena, torneranno nel dimenticatoio e di Monsieur Pignon il malcapitato di turno ospite di Monsieur Michon. I due verranno a scontrarsi in più di un’ occasione rovinando la serata messa a punto.

Nonostante l’aspetto comico e semplice dell’opera, questa presenta alcuni spunti di riflessione attraverso tematiche millenarie e che sembrano non avere una vera e propria fine. In realtà Monsieur Pignon e Monsieur Michon rappresentano non solo lo scontro sociale tra alta borghesia e bassa borghesia ma anche l’aspetto più umano che da esse ne deriva. Monsieur Michon è un editore di successo con una casa che si affaccia sulla tour Eiffel e che durante la sua vita ha rubato la sua attuale moglie (che tradisce con una ninfomane) e il miglior romanzo da lui pubblicato al suo migliore amico. Si tratta di un uomo di poca morale e lo dimostra infischiandosene di quanto possa capitare attorno a lui.

Monsieur Pignon è il suo opposto. Sempre disponibile a dare una mano, sempre educato e gentile nei modi. Si tratta di un uomo che ha perso la moglie poiché è scappata via con un suo amico e che ha avuto pochi momenti di felicità nella sua vita ma che nonostante tutto non perde il sorriso e cerca di andare avanti coltivando la sua passione che ha cominciato per dimenticare la perdita della moglie :riprodurre i monumenti architettonici con dei fiammiferi. Sarà proprio questa sua passione a portarlo da Monsieur Michon e a rivelare a quest’ultimo che, dopo quanto successo, sarà lui stesso a partecipare ad una cena dei cretini ma nei panni del cretino stesso.

Il cineforum di ProssimaMente, LA CENA DEI CRETINI
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *