Sarà una decima edizi13626605_1767752120107739_1963711853369078324_n one più che mai all’insegna della musica rock partendo dal punk ed arrivando fino all’elettro rock, passando per l’hard rock. Tanta musica per festeggiare, il 27 agosto prossimo, la decima edizione di uno dei festival rock più longevi della provincia di Frosinone ed oramai noto anche fuori Regione per il livello della musica offerto. Nella oramai storica e consolidata location del Parco del palazzo San Germano ad Arpino, Frosinone, il 27 agosto dalle ore 21:00, e come sempre con ingresso gratuito, si celebra per la sua decima volta consecutiva una grande festa dedicata alla musica emergente ed indipendente nazionale e locale.

In questa edizione di Ponte Rock, organizzata dall’Associazione Culturale Prossimamente, si esibiranno ben quattro gruppi musicali di spessore che alterneranno nuove proposte a band musicalmente più mature.

Apriranno la serata i “Falasca”, nati nel 2009 come cover band e dal 2015 trasformatisi in band punk-rock per valorizzare e riportare questo stile di musica in giro per l’Italia. Il gruppo, composto da Matteo (chitarra), Stefano (voce), Alessandro (basso) e Davide (batteria), ha già ottenuto ottimi risultati arrivando 4° al BrockBeerMusic Festival di Broccostella, e portando a casa il 3° posto nella manifestazione del Murata Street Sound di Arce. La band, esaltata dagli ottimi risultati raggiunti, sta spingendo verso la produzione del loro primo disco.

A seguire si esibiranno i Coffeshower, gruppo storico dell’Aquila nato nel settembre del 1999. Dopo i primi intensi anni di attività sulla scia del movimento punk revival, piuttosto in voga in quegli anni, la musica dei Coffeeshower si è progressivamente spostata su suoni e ritmi più rock / post-punk, pur mantenendo sempre ben salde le radici punk e un impianto sonoro aggressivo e potente. A novembre 2015 è uscito su etichetta “Ammonia Records” il terzo disco dei Coffeeshower dal titolo “Houses”. L’album, prodotto da Daniele Brian Autore (voce dei Vanilla Sky e produttore rock) testimonia la maturazione definitiva del suono e del songwriting del combo abruzzese. Nella loro lunga militanza concertistica tra Italia e Europa i Coffeeshower hanno diviso il palco, tra gli altri, con Hot Water Music, Chuck Ragan, Anti-Flag, Underoath, Taking Back Sunday, H2O, Belvedere, Smoke Or Fire, Punkreas, Linea 77, Teatro Degli Orrori, Giorgio Canali, Velvet, Vanilla Sky, Shandon.

Come frontline ad aprire la fase finale della serata saranno i Gazebo Penguins, gruppo musicale post-hardcore italiano formatosi a Correggio nel 2004. I Gazebo Penguins hanno all’attivo tre album registrati in studio di cui l’ultimo è “RAUDO” del 2013. Il singolo Senza di te, in cui canta e partecipa alla stesura del testo Jacopo Lietti dei “Fine Before You Came”, viene inserito nel dicembre 2011 nella classifica delle migliori canzoni italiane dell’anno secondo Rockit.it.

A chiudere questa decima edizione saranno I TOOT, vera e propria novità della serata. I TOOT sono un progetto musicale formato a Roma nel 2011 da un’idea di Flux (produzione, basso, voci), Luca Stefanini (chitarra e voce) e Michele Lunati (produzione, batteria). I TOOT sono il mix tra i due modi di vivere la musica: la produzione e il live show. Il loro sound presenta moltissime contaminazioni: dal croosover anni ’90, all’elettronica e alla techno. I loro concerti sono un’esplosione di energia, vibrazioni positive, nella continua ricerca di connessione con le persone, appropriandosi del palco. Il loro nuovo album, ERROR 404 è stato finanziato grazie alla vittoria del contest “Fuoriscena” – il contest del Circolo degli Artisti di Roma -, registrato presso il Cosecomuni Recording Studio con molte collaborazioni, tra cui: Giovani Ciaffoni dei Suntiago, Lord Madness, Dj FastCut e Alessandro Sgreccia dei Velvet.

Musica indipendente, gratuita, rock e ad alti volumi: questa è la decima edizione di PonteRock ed è tutto quello che basta per celebrare non solo il festival ma la musica stessa.

PonteRock 2016: per la decima edizione tanto, tanto rock!
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *